Infezione da Covid-19 dei lavoratori e responsabilità del datore di lavoro: l’intervento chiarificatore dell’INAIL.


Fin dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, l’art. 42, comma 2, D.L. 17 marzo 2020, n. 18 (c.d. “Decreto Cura Italia”), convertito con modificazioni in L. 24 aprile 2020, n. 27, che, come noto, prevede la tutela assicurativa da parte dell’INAIL per i casi accertati di infezione da Nuovo Coronavirus (SARS- CoV-2) in occasione di lavoro, considerandoli quindi infortuni sul lavoro, aveva destato non poche perplessità e preoccupazioni nei datori di lavoro, in quanto si temeva che tale disciplina potesse costituire una base per una presunzione di responsabilità penale e/o civile del datore di lavoro, in relazione al contagio del lavoratore.

Link alla versione integrale del commento.