Quando può dirsi perfezionato un contratto? La Cassazione prova a fare chiarezza.


Con la sentenza n. 13610 del 2 luglio 2020 la Corte Suprema, Sezione VI, si è pronunciata nuovamente sulla questione relativa all’individuazione del momento in cui un contratto può dirsi perfezionato.
Secondo la Cassazione, in assenza di un’univoca volontà delle parti di ritenersi vincolate ad accordi parzialmente raggiunti, si deve far prevalere il principio generale in base al quale un contratto si perfeziona solamente nel momento in cui le parti raggiungono l’accordo su tutti i suoi elementi costitutivi, tanto principali quanto secondari.
Versione integrale dell’articolo.